Coronavirus, la voglia di capitan Olivetti: ‘Torneremo più forti di prima dopo questo incubo!’

E’ di poche ore fa l’ufficialità dello stop definitivo ai campionati regionali di pallacanestro decretato del presidente Petrucci, che ha imposto la fine di tutti i tornei dalla Serie C Gold a scendere per cercare di contenere l’epidemia scatenata dal Coronavirus, la quale ha messo in ginocchio l’intero Paese, non solo dal punto di vista sportivo. 

Il Basket Casapulla e la società satellite One Team terminano così anticipatamente una stagione agonistica tanto esaltante quanto entusiasmante, con la speranza che i sogni interrotti prematuramente in quest’annata possano trasformarsi in realtà nella prossima. 

Capitan Olivetti, una delle figure storiche della grande famiglia gialloblu, non vede l’ora che vada in archivio questa pagina tragica e deprimente per l’intero panorama nazionale. ‘Credo che la decisione della FIP sia la più giusta e sensata, in quanto non si può mettere a repentaglio la vita e la salute di nessuno’ – afferma l’ex Basket Capua – ‘Siamo in trincea per combattere una guerra che va oltre la pallacanestro: penso che annullare il campionato sia risultata la scelta più logica, anche se la passione che mi lega a questa disciplina mi fa sentire davvero male lontano dal parquet’.

Come cambierà questo sport quando verrà sconfitto definitivamente il nemico invisibile? Dopo questa emergenza di certo muterà il valore che ognuno di noi conferirà alla vita e l’importanza che daremo ad una passeggiata, un abbraccio, un High Five. Temo che però si rischierà una forte crisi economica per diverse realtà, soprattutto per quelle che basano la loro attività sulle sponsorizzazioni: a seguito di questa fase di stallo, non tutte le aziende saranno disposte ad investire nel basket. Spero di sbagliarmi, ma il rischio è concreto’. 

Come valuti la stagione della Fontanavecchia? ‘L’avvio non è stato certamente incoraggiante, ma nell’ultimo periodo abbiamo trovato una buona continuità sia sotto il profilo del gioco che dei risultati. Sono convinto che il bello sarebbe dovuto ancora arrivare…’.

Con quale obiettivo affronterai il prossimo campionato? ‘Con una fame ed una voglia raddoppiate. Mi sento un leone in gabbia, mi manca il terreno di gioco, la palla, lo spogliatoio. Non vedo l’ora di poter riprendere a giocare, con una determinazione ancor maggiore di quella mostrata finora’. 

Come vuoi salutare i tuoi tifosi? Ai miei supporters, che da 10 anni mi sostengono e mi fanno sentire a casa, oltre al mio più sentito ringraziamento, voglio dire che in questo momento è fondamentale che ciascuno faccia la propria parte per battere questo male. Come in un match di pallacanestro, ogni elemento da il proprio contributo alla squadra: dimostriamo di che pasta siamo fatti e che grandi traguardi può raggiungere il nostro team! Restiamo a casa. Tutto si sistemerà e torneremo a combattere insieme, noi in campo, voi sugli spalti. Forza Casapulla, sempre!’.

Ufficio stampa Basket Casapulla

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*