Serie C: L’Irtet Casapulla fa harakiri. Il Neapolis espugna il PalaVignola.

Irtet Bk Casapulla – Neapolis Bk Casavatore 70-72

Brutto scivolone interno per l’Irtet Casapulla, che non riesce a scrollarsi di dosso le scorie delle festività natalizie e cede a fil di sirena alla Cenerentola Neapolis, vittoriosa grazie ad un piazzato di Capuano a 4” dalla conclusione.
Gara bruttina quella andata in scena al PalaVignola, con i viaggianti, reduci dal primo successo stagionale contro Nola, in appena 7 elementi più il nuovo arrivato Tomasiello, ex Cedri, fermato da un infortunio muscolare e che farà le veci dello squalificato coach Cupito per tutto il match, mentre i locali sentono oltremodo il peso della sfida dopo il pesante ko di Pozzuoli. 
Dai blocchi escono decisamente meglio i partenopei, avanti 0-4 (Zaccaro-R. Fiore) dopo 1’40”. L’Irtet appare svogliata in difesa e tale si mostrerà per quasi tutta la durata dell’incontro e solo grazie alle giocate di Nacca riaggancia i rivali. Che però mostrano maggior determinazione e con 4 punti di Emanuele Fiore (inclusa una tripla) doppiano i casapullesi (4-8 al 5’). L’Irtet resta a contatto grazie al siluro di Guastaferro, ma il secondo fallo di Olivetti al 6’ complica il piano-gara di coach Monteforte. Ancora Guastaferro dà il primo vantaggio ai suoi, ma dura giusto un possesso perché l’energia di Ordine e Zaccaro è una costante. Una bomba di Esposito vale il 9-14 e, nonostante gli errori a cronometro fermo, Riccardo Fiore prima e il buzzer beater di Capuano poi, danno il 13-19 agli ospiti, vanificando gli sforzi di Guastaferro e Lillo. Una canestro dall’arco di Damiano dimezza lo svantaggio in apertura di seconda frazione, ma i problemi di falli dei padroni di casa continuano, con Avella che arriva ben presto a quota tre per arginare Capuano in vernice. Così i locali ci provano da fuori e trovano il fondo della retina prima con Nacca dai 6,75 e poi con Di Lorenzo che impatta a quota 21 al 14’. Una tripla di Zaccaro spaia subito le carte in tavola (dopo appena due liberi nei primi 5’) e le tante concessioni a rimbalzo dei casertani facilitano il compito ai dirimpettai. Ci pensa Guastaferro a rimettere i carreggiata i suoi con 5 punti in fila (28-27 al 18’), ma una serie di liberi concessi dal non impeccabile duo arbitrale irpino e un canestro di Riccardo Fiore mantengono avanti i napoletani. Il tracciante di Olivetti manda le squadre al riposo lungo sul 31-32 e dopo un avvio di ripresa shock da parte dell’Irtet, che scivola a -5 e ha D’Aiello con 4 falli a carico dopo appena un giro e mezzo di lancette, pian piano la disputa si riequilibra. I gialloblu ospiti soffrono i raddoppi e la retroguardia schierata del Casapulla che, trascinato da Di Lorenzo, Nacca e Guastaferro piazza un mortifero break di 18-4, volando fino al 52-43 al 28’. Tutto nasce da una difesa attenta, ma anche le percentuali dal perimetro di Nacca e soci migliorano. La leadership tanto agognata fa però calare la tensione e così Zaccaro ed Emanuele Fiore riducono il gap fino al 52-47 del 30’. Per di più Avella commette (?) fallo antisportivo a rimbalzo sull’ultimo tentativo del terzo periodo, ed il quarto seguente si apre con Fiore che fa 2/2 dalla linea della carità. Capuano sgancia due bombe che ridanno la testa alla formazione di Napoli (54-55 al 32’) e da lì in poi inizia un testa a testa in cui l’agonismo la fa da padrone. Coach Monteforte preserva quasi tutto l’intero quintetto in vista del rush finale, a causa dei tanti problemi di falli, mentre Esposito spacca in due il match con la tripla del 62-64 a -3’20”, che vanifica la produzione del backcourt di casa. L’Irtet pian piano si spegne, i ‘grigi’ gliene fischiano tante (26-16 il computo finale dei falli commessi ‘in favore’ del Casapulla), e i tanti viaggi in lunetta permettono ad Ordine e compagni di dilagare fino al 64-70 con sei liberi dei due Fiore. Con 33” sul cronometro sembra finita, ma prima Damiano trova dopo pochi secondo il -3 dai 6,75 e poi il recupero sulla rimessa dà una ulteriore chance ai gialloviola. Di Lorenzo insacca il pareggio da 3 a -11”, ma dopo il timeout del Neapolis è Capuano a realizzare, dopo una ricezione fortunosa, il canestro del sorpasso definitivo.

IRTET CASAPULLA
Del Vaglio, Di Lorenzo 15, Guastaferro 24, Olivetti 8, Mastroianni, Delli Paoli ne, Damiano 6, Nacca 11, Avella, Lillo 2, D’Aiello 4. All. Monteforte

NEAPOLIS CASAVATORE
E.Fiore 13, Zaccaro 13, R.Fiore 17, Ordine 4 D’Angiolo 5, Tomasiello ne, Esposito 8, Capuano 12. All. Cupito (squalificato)

ARBITRI: Cusano e Melchionda di Avellino.
PARZIALI: 13-19, 31-32, 52-47.

Ufficio stampa Basket Casapulla

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*